Spuntolab bellaria logo compatto header
TOP

Migliorare la presenza sui social

7 Ottobre 2021 | Redazione Spuntolab

views

Nessun commento

Migliorare la presenza sui social network della propria attività o della propria azienda è da anni uno dei capisaldi del marketing, e questo è ancora più vero per il settore del turismo.

I social sono diventati in pochi anni il più facile e immediato strumento di comunicazione e condivisione, utili per mantenere il contatto con i propri clienti e per farsi conoscere da community sempre diverse e più articolate.

Oltre ai siti internet per hotel, il modo migliore per coltivare la propria presenza sui social media, per quanto riguarda le strutture alberghiere, è avere una pagina attiva che condivida contenuti inerenti alle attività dell’albergo e indirizzi la percezione che i clienti hanno dell’albergo stesso.

5 punti per migliorare la presenza sui social

Una buona strategia social prevede l’ottimizzazione di 5 elementi e la loro condivisione frequente: solo una pagina attiva avrà la possibilità di consolidare e accrescere la propria community, fidelizzandola. Va da sé che i contenuti condivisi devono essere interessanti e spingere il pubblico all’interazione:

1.Location

Molto importante nella scelta di un hotel rispetto ad altri, è da intendersi non solo come posizione della struttura, ma anche come arredo e design interno ed esterno. Per la community online, della quale fanno parte sia vecchi che potenziali clienti, è importante ricevere aggiornamenti (in caso di rinnovi, lavori di ristrutturazione…) ma soprattutto avere un’idea di come sarebbe rilassarsi nel solarium o bere un aperitivo nel dehor…

2.Camere e Servizi

Anche queste sono potenziali unique selling proposition che ci possono differenziare dalla concorrenza.

La prima accortezza da avere è una comunicazione chiara e distinta delle camere e dei servizi in base alla loro tipologia: pubblicare un post con foto che riguardano una sola tipologia di camera (standard, economy, comfort, suite, ecc.) o una sola tipologia di servizio (ristorante, spa, area giochi…) queste sono alcune delle idee per promuovere prodotti che possono avere un impatto comunicativo molto più efficace rispetto ad una condivisione disordinata, .

Soprattutto per le camere un’idea interessante è quella di inserirle nella vetrina della pagina Facebook dell’Hotel: le camere avranno maggiore visibilità, fissate all’inizio sotto l’immagine copertina.

3.Staff

Condividiamo foto di persone che stanno trascorrendo il soggiorno da noi. E’ un modo molto efficace per comunicare l’esperienza di soggiorno dei nostri ospiti a chi è già venuto e, soprattutto, a chi potrebbe scegliervi per la prima volta.

Per ottenere questo risultato, lo staff dell’hotel rappresenta una risorsa fondamentale. Lo staff può proporsi per scattare foto insieme agli ospiti mentre svolgono qualche attività all’interno dell’hotel, e poi invitarli a condividere la foto sul proprio profilo Facebook, registrandosi in struttura e inserendo un hashtag creato ad hoc.

Un altro spunto interessante è quello di organizzare piccole interviste con gli ospiti e fargli raccontare la loro esperienza di vacanza.

4.Food & Beverage

Inteso come servizio ristorazione in generale, per molti costituisce un punto di forza nella strategia di vendita. Facilissimo da raccontare condividendo foto del buffet della colazione e dei piatti serviti a pranzo e a cena (…senza farsi prendere la mano ed esagerare con le condivisioni!). Questi post sono perfetti per favorire l’interazione e possono avere un’importanza strategica per migliorare la presenza sui social network: la buona cucina tira!

5.Dettagli e sorprese

E’ importante anche condividere le piccole sorprese che riserviamo ai nostri ospiti, come il pet welcome kit per chi arriva con il proprio amico a quattro zampe o una scatola di cioccolatini, una bottiglia di vino o un buono per la spa dell’hotel.

Sono tante le idee e gli aspetti da tenere in considerazione, ma ognuno è un piccolo passo per migliorare la presenza sui social della propria attività.

Buon divertimento e segui la nostra web agency rimini!

Facebook Ads, Adwords, email marketing: gli strumenti di web marketing per hotel sono così tanti che è facile perdere la bussola.

Ogni struttura può mettere in campo strategie diverse per comunicare sul web. Per non fare confusione, è bene definire prima di tutto i propri obiettivi e la propria identità – le tecniche di web marketing per hotel più efficaci si basano su questo.

Come abbiamo già scritto, individuare le proprie caratteristiche significa orientarsi verso una precisa fetta di pubblico, in modo da far viaggiare sullo stesso binario le esigenze di vendita e i desideri degli ospiti.

Una volta che si ha chiaro a chi rivolgersi e cosa si vuole promuovere, con il web marketing per hotel si possono ottenere ottimi risultati a costi contenuti.

Ecco qualche strategia da mettere in pratica per comunicare sul web, sfruttando le sue potenzialità per migliorare un hotel e la sua immagine grazie al web marketing per hotel e ai servizi web per piccole imprese.

Strumenti e strategie

  • Pubblicare contenuti di qualità sui social media. Anche senza investire in campagne pubblicitarie a pagamento, si può gestire la pagina Facebook di un hotel per comunicare sul web in modo semplice e diretto. Pubblicate contenuti utili o piacevoli per i vostri ospiti, come una ricetta tradizionale o un itinerario originale: anche queste possono essere strategie di web marketing per hotel efficaci.
  • Curare il remarketing. Gli ospiti passati sono un patrimonio prezioso, su cui costruire buone strategie di web marketing per hotel – a patto di coltivare il rapporto con loro. Un’email per chiedere di recensire la struttura su TripAdvisor, una newsletter che contiene idee di viaggio originali, una campagna Facebook indirizzata a chi ha visitato il sito dell’hotel: sono tutti accorgimenti utili per migliorare le prenotazioni in hotel.
  • Promuovere l’hotel con campagne su Adwords o Facebook. Questi strumenti di web marketing per hotel permettono di rivolgersi a persone selezionate sulla base dei loro interessi. Anche in questo caso, avere ben chiara la propria identità è fondamentale per sapere a chi indirizzare le campagne – e così migliorare un hotel e la sua immagine.
  • Creare un ecommerce. È una strategia di web marketing per hotel da valutare attentamente, che può migliorare le prenotazioni in hotel e migliorare visibilità sul web per vendere – a condizione che la piattaforma ecommerce sia piacevole e funzionale. Ne abbiamo parlato più approfonditamente in un articolo dedicato ai motivi per cui creare un ecommerce per hotel.

Tanti strumenti, un solo punto di partenza

Prima di scegliere una strategia di web marketing per hotel, bisogna riflettere su che cosa si può offrire ai propri ospiti e su quali obiettivi si vogliono raggiungere.

Una volta fissato il punto di partenza, si possono individuare gli strumenti da utilizzare e raggiungere buoni risultati con il web marketing per hotel, arrivando a migliorare un hotel e la sua immagine.

Nella mia vita ho sempre fatto sport, sport di squadra. Ho sempre avuto bisogno di confrontarmi con gli altri dentro il campo e non solo al di là della rete. Ed è vero. La palestra e la squadra sono veramente maestri di vita. Si impara a collaborare, a lavorare tutti insieme per l’ottenimento di un risultato, si impara a tenere duro ed a farsi forza nei momenti di difficoltà – e nella vita, così come nel lavoro, ve ne sono tante – e s’imparano a capire i pregi ed i difetti degli altri. Si impara ad integrarsi.

Un organismo che si autoregola

La squadra è una sorta di grande organismo che si autoregola. C’è una testa che coordina e tanti organi che devono collaborare tra di loro per il perfetto funzionamento dell’organismo stesso, per generare la forza del gioco di squadra. La testa è il leader, è colui che riesce a far funzionare tutto, senza necessariamente alzare la voce. Ma grazie al suo carisma, al suo modo di interagire con gli altri e di non prevaricarli, fa valere la sua autorità. È colui la cui opinione pesa, ma non perché è il capo, ma semplicemente perché si muove per fare il bene di tutto l’organismo. Ci sono poi i vari organi che lavorano insieme, che remano tutti verso la stessa direzione, affinché il lavoro venga svolto nel modo migliore. Talvolta occorre un periodo di rodaggio affinché tutti gli elementi funzionino a dovere, affinché certi ingranaggi si incastrino alla perfezione. Ma quando questo accade, ciò che ne deriva è pura poesia.

Accade talvolta che nelle squadre si inseriscano elementi di disturbo che minino l’equilibrio ottenuto duramente, quelle voci fuori dal coro che mettono un po’ in crisi l’intero sistema e minano la forza del gioco di squadra. Una sorta di virus che si innesta sottopelle, sotto le fondamenta e finisce per dare uno scossone all’intera impalcatura. È allora che viene fuori la forza del gruppo. Ogni elemento nuovo, a quel punto, ha davanti a sé solo due scelte: adeguarsi alla squadra e ridimensionarsi nei modi e nei comportamenti, oppure estraniarsi completamente poiché incapace di integrarsi. Non servono troppi giochi di forza, l’organismo squadra include ciò che gli è vitale, ciò che lo rafforza, e scarta naturalmente ciò che lo indebolisce.

La stessa metafora è applicabile in campo sportivo, lavorativo, ma anche nella vita. Ragionate come una squadra e lavorate per voi e gli altri. Il resto viene da sé.

Siamo una bella squadra, siamo a disposizione per una consulenza web marketing per aiutarti a migliorare immagine della propria azienda sul web.

Facebook Ads, Adwords, email marketing: gli strumenti di web marketing per hotel sono così tanti che è facile perdere la bussola.

Ogni struttura può mettere in campo strategie diverse per comunicare sul web. Per non fare confusione, è bene definire prima di tutto i propri obiettivi e la propria identità – le tecniche di web marketing per hotel più efficaci si basano su questo.

Come abbiamo già scritto, individuare le proprie caratteristiche significa orientarsi verso una precisa fetta di pubblico, in modo da far viaggiare sullo stesso binario le esigenze di vendita e i desideri degli ospiti.

Una volta che si ha chiaro a chi rivolgersi e cosa si vuole promuovere, con il web marketing per hotel si possono ottenere ottimi risultati a costi contenuti.

Ecco qualche strategia da mettere in pratica per comunicare sul web, sfruttando le sue potenzialità per migliorare un hotel e la sua immagine grazie al web marketing per hotel e ai servizi web per piccole imprese.

Strumenti e strategie

  • Pubblicare contenuti di qualità sui social media. Anche senza investire in campagne pubblicitarie a pagamento, si può gestire la pagina Facebook di un hotel per comunicare sul web in modo semplice e diretto. Pubblicate contenuti utili o piacevoli per i vostri ospiti, come una ricetta tradizionale o un itinerario originale: anche queste possono essere strategie di web marketing per hotel efficaci.
  • Curare il remarketing. Gli ospiti passati sono un patrimonio prezioso, su cui costruire buone strategie di web marketing per hotel – a patto di coltivare il rapporto con loro. Un’email per chiedere di recensire la struttura su TripAdvisor, una newsletter che contiene idee di viaggio originali, una campagna Facebook indirizzata a chi ha visitato il sito dell’hotel: sono tutti accorgimenti utili per migliorare le prenotazioni in hotel.
  • Promuovere l’hotel con campagne su Adwords o Facebook. Questi strumenti di web marketing per hotel permettono di rivolgersi a persone selezionate sulla base dei loro interessi. Anche in questo caso, avere ben chiara la propria identità è fondamentale per sapere a chi indirizzare le campagne – e così migliorare un hotel e la sua immagine.
  • Creare un ecommerce. È una strategia di web marketing per hotel da valutare attentamente, che può migliorare le prenotazioni in hotel e migliorare visibilità sul web per vendere – a condizione che la piattaforma ecommerce sia piacevole e funzionale. Ne abbiamo parlato più approfonditamente in un articolo dedicato ai motivi per cui creare un ecommerce per hotel.

Tanti strumenti, un solo punto di partenza

Prima di scegliere una strategia di web marketing per hotel, bisogna riflettere su che cosa si può offrire ai propri ospiti e su quali obiettivi si vogliono raggiungere.

Una volta fissato il punto di partenza, si possono individuare gli strumenti da utilizzare e raggiungere buoni risultati con il web marketing per hotel, arrivando a migliorare un hotel e la sua immagine.

Alle soglie del 2020 è tempo di tirare alcune somme importanti per quanto riguarda l’utilizzo dei social network: sicuramente dalla nascita di questi, il flusso è sempre stato in crescita, ma se prima erano usati da una categoria generazionale ben precisa ora, invece, il loro utilizzo è aperto a qualunque età.

Andiamo a scoprire come sono denominate le varie generazioni e quale tipologia di Social utilizzano principalmente. Andiamo a scoprire come “a ogni generazione il suo social“.

BABY BOOMERS, I NATI DAL 1945 AL 1960

Come si comportano i “ragazzi del dopoguerra”? Sicuramente non sono la generazione con cui i social network sono nati, ma il loro utilizzo per questa fascia è cresciuto notevolmente dal 2016: quasi il doppio di tutte le altre categorie. Parliamo del 59% circa in più per quello che riguarda Instagram e del 44% per WhatsApp. Non male!

GENERAZIONE X,  I NATI DAL 1960 AL 1980

Noto anche come la “MTV Generation”, questo gruppo di utenti è l’ultimo che è nato e cresciuto senza Internet. La prima parte della vita di questa generazione è stata un susseguirsi di input tecnologici importanti, dal telefonino al personal computer.

Secondo i dati forniti da Global Web Index, gli “ometti” di questa categoria passano in media due ore al giorno all’interno dei vari social, meno dei Millenial e meno della Generazione Z, ma comunque più dei Boomers.

I MILLENIALS, I NATI DAL 1980 AL 2000

La generazione prima sedotta e poi abbandonata. Questa categoria ha vissuto in prima persona il boom tecnologico ed è stata bombardata da qualunque tipo slogan. Satura di tutto ciò, è in leggero calo la sua permanenza all’interno dei Social, preferendo sempre di più le attività “reali” a quelle “digitali”. Rovescio della medaglia?!

GENERAZIONE Z, I NATI DAL 2000 AD OGGI

La Generazione Z è il primo gruppo che non conosce una vita senza Internet, ne sono immersi fin dalla nascita: i device e la connessione internet sono parte integrante della formazione primaria, tanto quanto camminare e parlare. Sono la categoria che sta più connessa, quasi 2 ore e 55 minuti al giorno. Va evidenziata la tendenza ad un abbandono di quello che era il Social principale, vale a dire Facebook, ad appannaggio di piattaforme come Instagram, Youtube e l’ultimo arrivato Tik Tok.

Per concludere si percepisce che c’è comunque una crescita costante dei Social network, ma all’alternarsi delle generazioni, la tendenza è quella ad abbandonare quelle “obsolete”, a favore di quelle più nuove.

Questi sono strumenti di web marketing fondamentali per creare strategie per acquisire nuovi clienti per studiare il target preciso per ogni azienda.

Email Marketing

Tra i servizi web per piccole imprese troviamo l’email marketing, o quella che comunemente chiamiamo newsletter.
È molto importante mantenere un contatto con i propri clienti, e mandare delle email ogni tanto può aumentare la fidelizzazione.

Come fare però? L’email non può essere scritta in maniera generica e superficiale, ma è bene che venga stesa seguendo delle regole.

Vediamone alcune insieme:

Layout

Scegli un Layout fresco, pochi fronzoli e moderno. Una email troppo elaborata potrebbe essere “cestinata” subito. Le persone navigano su Internet per trascorrere il tempo in maniera leggera, trovarsi davanti a un contenuto visivamente pesante non li inviterà a proseguire con la lettura.

Target

Differenzia il target, non mandare la stessa email a tutti. Per comunicare sul web è importante che tu abbia un database di dati di chi si è iscritto, distinti per macro categorie. Una email con termini troppo giovanili e inglesismi potrebbe essere di gusto per un target, ma per altri no. Porterebbe alcuni anche a disiscriversi dalla newsletter.

Personalizza

Personalizza l’email, deve avere il tuo Tone of Voice. L’utente quando la legge dovrebbe percepire come se fossi tu che stessi parlando. Non deve essere troppo formale (a meno che non sia lo stile della tua azienda).

Call to action

Includi delle Call To Action, invita a visitare il tuo canale creando dei collegamenti diretti.
Sottolineiamo collegamenti, perché ricordiamoci, dobbiamo sempre semplificare la navigazione del nostro utente.

Secondo una ricerca condotta da We Are Social e HootSuite, la popolazione totale in Italia è di 59 milioni di persone.
Esistono 85 milioni di contratti telefonici, il che vuol dire che alcune persone hanno più di un telefono.
Inoltre, ci sono 35 milioni di persone attive sui social, e 54 milioni utilizzano Internet.

Per questo è bene che le aziende scoprano quali servizi offre loro internet per comunicare sul web e farsi conoscere.

Social Media Marketing

Esistono tantissimi social, ma sicuramente i più utilizzati sono Twitter, Facebook, Instagram, Pinterest, YouTube, Linkedin e Tik Tok.

Per sapere come promuovere la propria attività professionale sul web ogni azienda dovrebbe capire quale social è più adatto alle proprie esigenze, e dove è posizionato il loro target. Infatti, il nostro consiglio è quello di non esternare nessun social.
Non fermatevi solo all’utilizzo di Facebook e Instagram.
Ad esempio di recente tantissime aziende sono approdate su Tik Tok; tanto che in certe università sono stati creati dei corsi proprio per imparare a comunicare su questa piattaforma.

Non ci credete? Andate a cercare marchi come Sephora, Red Bull, Calvin Klein, Gucci… grandi nomi sicuramente, ma anche una PMI potrebbe tranquillamente comunicare su TikTok.

Seo

Seo ovvero Search Engine Optimization è uno strumento che Google offre per ottimizzare il posizionamento della pagina in maniera organica. Per chi non lo sapesse, il traffico organico è un posizionamento gratuito.

Alcuni consigli: pubblica contenuti interessanti, scegli le parole chiave giuste e non eccedere, nomina le immagini correttamente, crea testi della giusta lunghezza, impara a usare le varie piattaforme.

Impara al meglio come fare marketing e creare contenuti, buon lavoro!

Acquisire nuovi clienti può sembrare un compito arduo, ed effettivamente non è facile, ma conoscere la customer journey ci porterà un passo avanti.
Nelle strategie per acquisire nuovi clienti dobbiamo tenere conto di tutte le dinamiche: la vita frenetica, la tecnologia, le recensioni, il passa parola tradizionale…

Customer Journey

Il Customer Journey è il percorso decisionale e operativo del cliente ed è utile capire questo per poter utilizzare ecommerce per vendere online.

Online si trovano tante varianti di questo percorso, noi perciò ne abbiamo scelta una esplicativa, ma non è detto che c’è ne siano altre più giuste o sbagliate.

È composto da quattro fasi: Awareness, Consideration, Conversion, Loyalty.

Awareness è il momento in cui il nostro marchio o prodotto viene a conoscenza del cliente.
Consideration, la persona si chiede se ha necessità di quel prodotto o servizio. Lo prende in considerazione.
Conversion, questa fase indica il momento in cui acquistano o magari avviene un primo contatto (ad esempio si iscrivono alla newsletter).
Loyalty, il cliente soddisfatto, copra di nuovo il nostro prodotto o servizio. Probabilmente parlerà in giro anche del nostro prodotto esponendo come si sia risolta una sua necessità.

Zero Moment of Truth

Introdotta da Google nel 2011.
Questa fase si chiama Zero Moment Of Truth (ZMOT).

Viene elaborata da Lecinski nel suo libro Winning the Zero Moment Of Truth dove espone come siano cambiati i comportamenti d’acquisto con i nuovi media.
È il momento in cui il consumatore percepisce lo stimolo, e inizia perciò una ricerca su internet per conoscere marchi, e vederne le relative recensioni e opinioni. In maniera che quando si recherà presso il negozio fisico saprà già cosa vuole.

Un’agenzia di web marketing svolge servizi web per piccole imprese, è composta da tantissime persone che rivestono vari ruoli.
È un po' come creare una casa, c’è l’architetto, il piastrellista, i muratori, l’imbianchino…

Uguale si potrebbe dire per un’agenzia, ognuno è fondamentale per la creazione di una comunicazione efficiente!

Scopriamo i ruoli di un'agenzia di marketing.
Ui Designer, Sviluppatore e Specialista Seo

UI Designer

Colui che si occupa dell’usabilità del sito, della progettazione, dei colori. Crea la grafica di come si distribuirà il sito.

Sviluppatore

Quest’ultimo si può dividere in: Sviluppatore Front End e Sviluppatore Back End.

Lo sviluppatore è quello che si occupa della programmazione del sito, lo crea da zero. Utilizza linguaggi di programmazione come HyperText Markup (Html), Cascading Style Sheets (CSS) e altri; definisce con questi la struttura, i colori, il posizionamento dei vari oggetti ecc.

Specialista Seo

Seo ovvero Search Engine Optimization sono tutte quelle attività atte a posizionare il nostro sito tra i primi risultati nei motori di ricerca. Chi riveste questo luogo quindi è una persona che ha conoscenza non solo delle regole ma anche di quelli che sono i contenuti Seo Friendly.

Social Media Manager, Content Manager, Copywriter

Social Media Manager

È la persona che si occupa della gestione dei social media. Si occupa di tutta quella che è la programmazione, la scelta e le tematiche nei mesi a venire.

Content manager

Questa figura ha le capacità tecniche e persuasive, per capire quali sono i contenuti più adatti per le varie aziende e i vari tipi di target.

Copywriter

Quest’ultimo non è solo uno scrittore, è lo scrittore di contenuti per il web.

La scrittura online e offline varia molto, lui sa come scegliere la migliore comunicazione e come trasmettere al meglio i contenuti.

Per sapere come diventare social media manager, clicca qui!

Al giorno d’oggi è diventato fondamentale comunicare sul web, ma soprattutto farlo nel modo corretto. Prima di iniziare bisogna avere chiari vari punti, tra cui la nostra brand identity.

Citando un’affermazione di Kotler, famoso economista e sociologo, disse riguardo a questo argomento: “In breve, il compito del marketing è trasformare le esigenze mutevoli delle persone in opportunità vantaggiose. Il suo scopo è creare valore proponendo soluzioni migliori, facendo risparmiare all'acquirente fatica e tempo per la ricerca e la transazione e offrendo alla comunità il più elevato benessere.”

Innanzitutto quindi cos’è la brand identity?

Sono tutte quelle caratteristiche del brand (nome, immagine, logo, simboli, pay off) che ci ricollegano all’azienda e al suo marchio. È bene avere una comunicazione chiara servendosi degli strumenti di web marketing per distinguersi nel mercato.

Dobbiamo capire poi quali sono i nostri valori per poi organizzare le strategie per acquisire nuovi clienti; è molto importante perché nella società di oggi le persone danno particolare peso. Si informano se un’azienda sostiene o meno certe cause.

Attenzione, anche qui bisogna essere trasparenti. Se dobbiamo fare la cosiddetta azione denominata Greenwashing lasciamo perdere. Questo termine indica quelle false comunicazioni aziendali per dare un’immagine ingannevolmente positiva. Le persone se scoprissero che non siamo onesti con loro perderebbero la fiducia verso il marchio.

I valori da trasmettere possono essere tanti, ad esempio: la trasparenza, l’onestà, la responsabilità sociale, crescita dei dipendenti ecc.

Guardiamo un esempio concreto: Apple si è contraddistinta per la facilità di utilizzo dei suoi prodotti. Se non fosse stato così, probabilmente non sarebbe il colosso quale è oggi.

Come trasmettere questi valori - brand identity

Attraverso una pianificazione mirata, dall’online all’offline (ovviamente dipende dal tipo di azienda, dal target e altre cose). Una buona organizzazione comporta che si pianifichi mese per mese come comunicare, cosa comunicare e in quale modalità.

CONDIVIDI:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

spuntolab-fatti-vivospuntolab-fare-squadra-rosaavatar-spuntolabspuntolab-fare-sul-seriospuntolab-farsi-in-4

trovaci

Via San Martino, 17
Bellaria-Igea Marina 
Rimini - 47814.
Via San Martino, 17
Bellaria-Igea Marina 
Rimini - 47814.
+39 0541 330832
[email protected]
+39 0541 330832
info@spuntolab.it
Via San Martino, 17
Bellaria-Igea Marina 
Rimini - 47814.
+39 0541 330832
[email protected]

seguici

Via San Martino, 17
Bellaria-Igea Marina 
Rimini - 47814.
+39 0541 330832
[email protected]
Spuntolab bellaria logo esteso footer
cross